25
Lug
12

Usanze cinesi

Pazienza cinese

Il carattere di “pazienza”, rěn, è composto da rèn, coltello, lama, sopra xīn cuore, mente.

“La pazienza è potere: con il tempo e la pazienza, il gelso si tramuta in seta“ (proverbio cinese).

Un aspetto della pazienza cinese è l’arte del sapere ascoltare. E’ normale, per un cinese, dire, per esempio: “Stamattina mi sono svegliato per tempo, sono uscito presto, ma ho trovato traffico, poi mi si è bucata una gomma e, dopo averla cambiata, non ho trovato facilmente da parcheggiare. Ecco perché sono in ritardo.” per giustificare un ritardo a un appuntamento. Pazienza nel raccontare e molta pazienza nell’ascoltare prima di “essere arrivati al punto”! In altre parole, la parte importante messa alla fine, non all’inizio del discorso, in modo da rendere chiaro il senso e farlo capire al meglio all’interlocutore.

 

 

Quando dire e non dire 谢谢xiè xie “grazie” a un cinese

In occidente, quando riceviamo un favore, siamo abituati a esprimere la nostra riconoscenza ringraziando. In Cina, invece, quando la relazione tra i due interlocutori è stretta, come tra familiari, amici o colleghi intimi, se diciamo “grazie” per un favore ricevuto è come se volessimo prendere le distanze dall’interlocutore. Non offendiamoci, quindi, se un cinese non ci ringrazia, perché significa che ci considera un amico stretto! L’idea è che i vostri parenti e amici sono felici e disposti e obbligati a fare le cose per voi, se li ringraziate li considerate estranei.

Quando dire “grazie”:
quando qualcuno ti aiuta per qualcosa,
qualcuno ti dà un regalo,
chiedete a qualcuno di fare qualcosa per voi,
qualcuno vi da molto denaro,
e
non siete amici intimi dell’interlocutore,
non siete un parente dell’interlocutore.

Quando non dire “grazie:

quando qualcuno ti fa un complimento (in Cina accettare un complimento vi fa considerare persone superficiali totalmente prive di umiltà).
Per fortuna la “gente di città” in Cina sa ormai che gli stranieri accettano i complimenti senza pensarci due volte, e ha imparato ad accettare questo “strano” comportamento. Ma sicuramente ci prendono in giro pensando: “Ma guarda non arrossisce nemmeno!”

哪里哪里nálǐ, nálǐ
Questa invece è una bella formula di risposta a un complimento che indica al vostro interlocutore cinese che siete una persona ben educata e umile. Significa grosso modo “ma dove…!” nel senso di “ma quando mai…!”.

Toccarsi e abbracciarsi in Cina

Manifestare i propri sentimenti in pubblico in Cina è tabù, e per lo più non solo tra persone adulte, ma anche tra amici e familiari. Non è strano sentire dire che un genitore cinese non ha mai abbracciato o baciato il proprio figlio in pubblico.

Anche toccare la testa di qualcuno è un tabù, è preso come un insulto e una grave mancanza di buone maniere. Solo i genitori, i nonni e altri parenti anziani possono toccare le teste dei loro piccoli parenti, e solo fino a che non crescono.

D’altra parte ogni cultura definisce le debite distanze da mantenersi tra i propri membri. In Cina si scopre facilmente che la loro zona “di comfort” cinese è molto m aggiore della nostra…

Non abbracciare o mettere un braccio intorno alle spalle di un cinese! Non toccare la gente con la mano, perché in Cina questo gesto indica una notevole familiarità. Molto meglio sorridere per esprimere un sentimento di affetto.


Fare la coda in Cina

Rispettare code e precedenze è in Cina una esperienza surreale. I cinesi in genere non fanno la coda: non offendetevi se cercano di scavalcarvi anche urtandovi e senza minimamente pensare di chiedervi scusa!

In base al comportamento comune del cittadino cinese questa è una sorta di “pratica sportiva” totalmente accettata, e rientra nel più generale atteggiamento mentale di una popolazione numerosa e ora concentrata in numero enorme nelle città, e quindi costretta a trovare dei modi per ottenere un vantaggio.

Ecco un tipico esempio di “salto della coda”…

http://www.youtube.com/watch?v=XF7qZnZaQOI&feature=player_embedded

E qui una tipica coda da apertura di biglietteria ferroviaria!

http://www.youtube.com/watch?v=FzbiLGw4D7Y

http://marketingarena.it/2012/05/21/paese-che-vai-usanze-che-trovi-occhio-alla-cina/


0 Responses to “Usanze cinesi”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


Archivi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: