Archivio per agosto 2012

19
Ago
12

Le Origini della Cina

La Cina moderna non è generalmente ritenuta un luogo particolarmente religioso, per cui si potrebbe rimanere sorpresi nel sapere che in Cina è ancora viva una tradizione religiosa con un gran numero di dei, divinità, miti di creazione e altri concetti religiosi. Molto interessante è un aspetto che quasi tutte le religioni hanno in comune: il mito della creazione.

 

La storia più famosa dice che Nuwa 女娲, una dea di cui si parla già in testi che risalgono a circa 3.000 anni, abbia creato l’uomo di fango e argilla. Nei primi sei giorni della creazione creò gli animali, il settimo giorno era stanca, ma non aveva ancora creato l’uomo! Così, Nuwa cominciò a creare singolarmente tutte le persone, cosa che andava per le lunghe… Dopo un pò rinunciò a creare individualmente ogni singola persona e ricorse a uno stratagemma: immerse una corda nell’argilla e permise alle singole goccioline che colavano di diventare persone. Ma le persone che Nuwa aveva realizzato individualmente dall’argilla divennero i ricchi, i nobili, i pochi privilegiati della società cinese, mentre quelli che colavano fuori dalla corda divennero le persone comuni.
拉绳抖泥 lā shéng dǒu ní è un chéngyǔ che deriva da questa storia, e che significa “tirare la corda, il fango viene scosso fuori”.

 

Ma perché la divisione in classi sociali, e le origini molto diverse di persone di diverse classi, sono addirittura una parte importante di uno dei miti Cinesi della creazione più famosi? Probabilmente il fatto ha a che fare con i valori confuciani e le “cinque relazioni” (五 伦, wǔlún), che rivestono un ruolo così importante nel pensiero tradizionale cinese. Lo stesso rapporto tra governanti e governati è fortemente sottolineato nella cultura cinese, tanto che è correlato a una gerarchia sociale che si fa appunto risalire alla mitologica creazione stessa dell’umanità.

 

08
Ago
12

Le Storie di Erbetta

“hán shā shè yǐng ” – con un granello in bocca colpire l’ombra

Raccontano le leggende che fra il fiume Yangzi e il fiume Huai venne alla luce una creatura molto particolare, chiamata Yu1. La gente le aveva dato molti nomi e fra questi vi erano “tiratore”, “colpisci ombra”, “balestra d’acqua” e “volpe d’acqua”.  Questo animale, che spesso attaccava gli uomini, aveva una forma molto strana: sul suo dorso cresceva un guscio duro simile a quello di una tartaruga ma aveva solo tre zampe e sulla testa aveva delle corna. Aveva anche delle ali con cui poteva spiccare il volo e librarsi in aria in modo da attaccare gli uomini da sopra le loro teste. Non aveva occhi ma le orecchie erano molto sensibili e gli garantivano un udito finissimo. In mezzo alla bocca aveva una sorta di protuberanza orizzontale, la cui forma somigliava a una balestra, e…

View original post 236 altre parole

06
Ago
12

chen wanting

“Ripensando agli anni passati, indossando l’uniforme e con le armi in pugno, ho spazzato via masse di nemici, molte volte ho affrontato le difficoltà e ho avuto molte concessioni imperiali, tutto invano! Arrivato ai giorni nostri, sono vecchio e malandato, mi resta solo il “Classico della Corte Gialla” come compagno.

Quando non ho niente da fare invento lo stile, quando sono impegnato aro i campi, approfitto del rimanente tempo libero e insegno ai miei figli, fratelli e nipoti a diventare draghi e diventare tigri per la loro convenienza.

Le tasse di cereali che dovevo dare all’ufficio le ho date, i debiti che dovevo restituire ai privati li ho dati subito, l’orgoglio e l’adulazione non si devono usare, essere tolleranti e concilianti innanzitutto; tutti dicono che sono folle, tutti dicono che sono confuso, ma io non ascolto quello che dicono gli altri, non alzo la cresta, non bado alle chiacchiere, rimango diligente e accorto.

Continua a leggere ‘chen wanting’

02
Ago
12

涌泉 KI1-yǒngquán Fontana Zampillante

Localizzazione. Sulla pianta del piede, tra il secondo e il terzo metatarso, all’unione tra il primo e il secondo terzo distale quando si divide la pianta del piede in tre parti.

yǒng significa zampillo, zampillare, versare, riversare. A sinistra presenta () shuǐ acqua, a destra yǒng corridoio, percorso.

quán significa fontana, ma anche primavera. Ha in alto bái ‘bianco’ e in basso shuǐ ‘acqua’. In origine era il pittogramma di una bacinella, da cui scorreva acqua, “acqua bianca” nel senso di “pura”.

I significati generali sono Fontana Zampillante, Fontana di Scorrimento, Fontana del Percorso, Primavera Zampillante.

Continua a leggere ‘涌泉 KI1-yǒngquán Fontana Zampillante’




Archivi