03
Dic
12

I “libri” di tavolette dell’antica Cina

(carattere non semplificato ) ““, libro, volume.

In questo carattere i tratti verticali rappresentano le tavolette di legno, il tratto orizzontale la corda di pelle di bue che li teneva insieme.

Prima della invenzione della carta si usavano strisce di bambù o altro legno come supporto per la scrittura, come “pagine”, e le tavolette erano tenute insieme da una cordicella. Una jiǎncè 简册(libro di tavolette di bambù) era formato da molte strisce di bambù.

Tavolette di bambù incise

Tavolette di bambù incise

I jiǎncè sono stati usati a partire dalla dinastia Shang, 3.000 anni fa. Una jiǎn aveva di solito una larghezza di 0,5-1 cm, mentre la lunghezza variava a seconda delle esigenze. La cordicella che le legava era di seta, corda di canapa o cuoio. Prima si legavano le tavolette e poi vi si scriveva. Anche il numero di tavolette era variabile a seconda del contenuto del volume della comodità di trasporto e lettura.

In genere una tavoletta poteva contenere una sola riga di caratteri.

Gli strimenti di scrittura erano, naturalmente, pennello e inchiostro. Era necessario anche una lama per correggere o cancellare i caratteri se vi era stato un errore nella scrittura.

 

Per altri articoli su medicina e pensiero tradizionali cinesi:

www.associazioneqi.it

www.studioadelasia.it

 


1 Response to “I “libri” di tavolette dell’antica Cina”



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


Archivi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: