01
Feb
13

piccola raccolta di chéngyǔ

I Chéngyǔ (in cinese semplificato 成语,in Cinese tradizionale 成語, “modo di dire”) sono un tipo di espressioni idiomatiche Cinesi, per lo più costituite da quattro caratteri. I Chéngyǔ sono stati ampiamente usati nel cinese Classico e oggi sono molto comuni anche nel Cinese parlato.

—–

坐井观天 – zuò jǐng guān tiān


Letteralmente: seduto nel pozzo guardare il cielo.

Significa avere veduto molto ristrette, come la veduta che si può avere del cielo stando seduti sul fondo di un pozzo.

—–

班门弄斧 – bān mén nòng fǔ

Il significato letterale è “al cancello di Ban brandire un’ascia”. Ban indica Lu Ban, un falegname cinese, ingegnere e inventore. E’ considerato il patrono dei costruttori cinesi.

Molto nota è una storia che lo riguarda e alla quale è ispirato il chéngyǔ. C’era una volta un giovane falegname che era davanti a un cancello rosso. Brandendo la sua ascia, il giovane falegname diceva che avrebbe potuto creare tutte le cose del mondo con la sua ascia. Un passante, infastidito dalle parole del giovane falegname, gli chiese se poteva fare un cancello migliore di quello rosso davanti al quale si trovava. il giovane con un sorriso sprezzante, gli rispose che era un allievo di Lu Ban, e che quindi poteva farne uno migliore. La piccola folla che nel frattempo assisteva alla scena scoppiò in una risata, e disse al giovane che quel cancello rosso era proprio di Lu Ban.

Si dice anche che una volta avesse intagliato in legno una fenice così realistica che effettivamente volò in cielo per tre giorni.

Così si ritiene il massimo della follia cercare di mostrare la propria abilità con l’ascia di fronte a Lu Ban. Si usa generalmente per descrivere qualcuno che mette in mostra la sua abilità di fronte ad un esperto che ha una abilità superiore.

Un altro uso del chéngyǔ è quello di pronunciarlo come atteggiamento di modestia di fronte a un esperto.

—–

出类拔萃 chū lèi bá cuì – distinguersi dalla folla

chū significa andare, uscire, eccedere, andare al di là, mettere fuori, produrre, rivelarsi, risalire. lèi significa una classe, categoria, tipo, somigliare, essere simile a. bá significa tirare fuori, tirare su, estrarre (nel senso di un talento), salire, risalire, sorpassare. cuì significa venire insieme, assemblare, la persona o le cose che raccolgono insieme.

Il chéngyǔ 出类拔萃 chū lèi bá cuì è proprio il simbolo delle grandi aspettative che i genitori cinesi ripongono sui i loro figli. I genitori cinesi sono rigorosissimi rispetto al loro rendimento scolastico, e si aspettano che sviluppino grandi talenti e competenze, è comunissimo per loro aspettarsi che i propri figli diventino persone straordinarie. E questa tradizione ha quasi trasformato in una abitudine il pressare continuamente nello studio i figli. I quattro caratteri sono quello che si può leggere negli occhi dei genitori cinesi quando guardano i loro figli e ne immaginano il futuro.

Il chéngyǔ 出类拔萃 chu lei ba cui deriva da un commento del filosofo confuciano 孟子 Mèngzǐ (Mencio) su 孔子 Kǒngzǐ (Confucio). La frase originale era: 出 于 其 类, 拔 乎 其 萃 chū yú qi lei, ba hu qi cui, partire dal proprio stato, sviluppare il proprio talento. Si riferisce alle persone che nascono come persone comuni, ma che crescono fino ad acquisire straordinari talenti e capacità. In seguito la frase è stato semplificata nel chengyu 出类拔萃.

 

—–

耳濡目染 ěr rú mù rǎn — essere influenzati da ciò che si vede e si sente costantemente

ěr significa orecchio. rú significa immergersi. mù significa occhio. rǎn significa tingere, contrarre (una malattia).

Il significato complessivo è “essere influenzati da quello che si vede e sente costantemente”.

L’uso è sia in senso negativo che positivo. Per esempio, un bambino che cresce in una famiglia di musicisti probabilmente diventerà un musicista.

La cultura cinese antica è stata per ampia parte distrutta nel tentativo di sostituire ai valori tradizione dei valori, “moderni”, sia all’epoca della dinastia Qing da parte delle potenze occidentali, che durante la Rivoluzione Culturale dai cinesi stessi. E questo ha prodotto sicuramente un cambiamento nel modo di percepire la realtà da parte dei cinesi di oggi. Ma attualmente si assiste a un movimento culturale da parte delle autorità della Cina per ristabilire e riaffermare la cultura tradizionale cinese, i suoi valori e i suoi costumi. E questo porterà forse di nuovo a 耳濡目染ěr rú mù rǎn.

 

—–

大言不惭 – dà yán bù cán

Il significato letterale è “grande parola non vergogna”, “ (dire) grandi parole senza vergogna”.

Possiamo tradurre questo chéngyǔ con “vantarsi senza vergogna”, “vantarsi spudoratamente”, “spararle grosse”, fanfaronata”, “rodomontata”.

Conoscendo un po’ la tendenza tradizionale cinese a non apparire, ad essere più allusivi che espliciti, si può capire come l’atteggiamento del chéngyǔ sia socialmente riprovevole…

Un esempio di suo uso potrebbe essere: “Egli non è stato coinvolto in questo progetto, ma dà yán bù cán (si vantava senza arrossire), e ha affermato che era il responsabile del progetto.”

—–

吳越同舟 – wú yuè tóng zhōu

Significato letterale. (L’esercito di) Wú (e quello di) Yuè (nella) stessa barca.

Due gruppi in guerra tra loro mettono da parte il loro conflitto e collaborano. La guerra riprenderà più tardi.

Il chéngyǔ fa riferimento a un antico racconto cinese nel quale soldati di due eserciti in guerra tra loro si trovano a dovere attraversare un fiume nella stessa barca. E piuttosto che combattersi lavorano insieme per un felice attraversamento riuscendo così a sopravvivere.

Un chéngyǔ con lo stesso significato, 共渡難關gòng dù nán guān, “superare le difficoltà inseme”, è stato citato da Hillary Clinton in un discorso fatto presso The Asia Society a New York e poi ha costituito il leit-motiv del suo successivo viaggio in Cina del 2009.

—–

兴高采烈 – xīng gāo cǎi liè

Xīng significa “entusiasmo”, gāo significa “di alto livello”, căi significa “spirito”, liè significa “intenso”. Il significato complessivo è “felice ed eccitato”.

Il significato letterale dell’insieme dei quattro caratteri è qualcosa come “esultante”, “esultante di gioia”, “con grande gioia”, “pieno di giubilo”.

Questo chéngyǔ si utilizza in situazioni in cui si è di buon umore. Ha il significato di essere euforico, molto felice, i cinesi lo utilizzavano anche per descrivere il loro stato d’animo prima e durante una festa.

—–

对牛弹琴 – duì niú tán qín

“suonare il liuto per una mucca” (uno dei miei rpeferiti…).

Indica il parlare a chi non capisce, o a chi non vuole ascoltare, filosofeggiare con uno sciocco. La situazione di utilizzo è quella per cui si sta parlando, o spiegando le cose, a gente che semplicemente non è allo stesso livello intellettuale, o ad una persona così testarda che qualunque cosa tu dica lui non cambierà mai idea, non importa quanto nel giusto si possa essere.

—–

虎头蛇尾 Testa di Tigre Coda di Serpente

“Un bell’inizio e una povera fine”, ma una sfumatura di significato è anche “Meglio avere almeno un inizio importante e bello, se il risultato non è sicuro, ci potrebbe non essere una seconda possibilità di festeggiamento.”

—–

一唱百和 – yīchàng bǎihé

“uno canta, cento seguono”, “tutti sono d’accordo”.


0 Responses to “piccola raccolta di chéngyǔ”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


Archivi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: