21
Mag
14

Il “Mandato Celeste” – 天命 tiānmìng

Le dinastie cinesi e il ‘Mandato del Cielo’

Fonte: http://www.theepochtimes.com/n2/china-news/chinese-dynasties-and-the-mandate-of-heaven-322984.html

OLYMPUS DIGITAL CAMERAIl fondatore della Dinastia Zhou (周朝) attorno al 1000 a.C stabilì la credenza filosofica secondo la quale il Cielo conferiva il diritto divino di governare a chi ne fosse moralmente degno.

Questa credenza, conosciuta come il “Mandato del Cielo” (天命, tiān mìng), è profondamente radicata nella cultura cinese, e ha avuto una influenza duratura e fondamentale nella storia cinese.

Essa stabilisce che un governante deve essere saggio e giusto, deve seguire il Tao – la Via del Cielo – e deve armonizzarsi con il destino.

Gli antichi cinesi consideravano l’imperatore come un “figlio del Cielo”, con il Cielo sopra di lui.

Lao Zi (老子) espresse quest’idea dell’unità del Cielo e degli uomini nel Dao De Jing (道德經): “L’uomo segue la Terra, la Terra segue il Cielo, il Cielo segue il Dao, e il Dao segue ciò che è naturale.”

Governanti saggi e capaci nell’antica Cina veneravano il Cielo e rispettavano e proteggevano i loro sottoposti. Gli storici registravano tutte le parole e le azioni dell’imperatore, e il comportamento dell’imperatore era giudicato secondo i classici confuciani.

Re saggi avevano funzionari saggi e virtuosi come maestri e consiglieri. Un esempio fu Yi Yin (伊尹), che aiutò Shang Tang (商湯) a fondare la Dinastia Shang (商朝) e ne divenne il primo ministro.

Jiang Ziya (姜子牙) è un altro esempio. Assistette sia il re Wen (周文王) che il re Wu (周武王) nella nascita della dinastia Zhou.

APPLICARE IL TAO PER CONTO DEL CIELO

Se un governante è immorale, sarà criticato dai suoi ministri e dalla gente e la gente potrà rovesciarlo. Così Shang Tang sconfisse Xia Jie (夏桀), l’ultimo inperatore della dinastia Xia (夏朝), che era un tiranno.

Un altro esempio fu la rimozione dell’Imperatore Zhou, ultimo imperatore della dinastia Shang, da parte di re Wu.
La cultura tradizionale cinese non considerava queste ribellioni come delle violazioni della lealtà o del Tao, ma piuttosto come una applicazione del Tao per conto del Cielo.

Gli antichi cinesi credevano che i disastri naturali fossero segni del Cielo, avvertimenti che il governo si era allontanato dal Tao.

Se il governo avesse ignorato questi rimproveri, il Cielo avrebbe mandato avvertimenti più forti nel tentativo di risvegliare la coscienza. Se gli avvertimenti avessero continuato ad essere ignorati, ne sarebbero seguite delle calamità.

Si credeva che questo fosse il modo con cui le divinità mostravano la loro compassione verso gli esseri umani.
Nel corso della storia cinese, il Mandato del Cielo ha influenzato i cambiamenti delle dinastie e degli imperatori, e l’ascesa o la caduta delle dinastie e degli imperatori era legata alla moralità degli esseri umani.

IMMAGINE: In Oriente i draghi hanno un significato positivo e si crede abbiano accompagnato diversi grandi imperatori del terzo millennio a.C. quando scesero dal Cielo. I draghi hanno poi accompagnato gli imperatori anche quando sono risaliti in Cielo dopo aver completato la loro missione. (Shioujen Wen/The Epoch Times)

Annunci

1 Response to “Il “Mandato Celeste” – 天命 tiānmìng”



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: