Archive for the 'Taijiquan' Category

08
Ott
21

Morbido – duro

La dolcezza vince la forza; la gentilezza vince la durezza. Tutti sanno che è vero, ma pochi sanno metterlo in pratica.

Daode jing

Spesso si crede di essere morbidi ma in realtà si è molli. Spesso si crede di essere pieni ma in realtà si è rigidi. L’osservazione sincera di sé è rara.

Nell’immagine i caratteri di dao de jing nello stile del Piccolo Sigillo.

.

Continua a leggere ‘Morbido – duro’
25
Mag
21

Cinque Movimenti e Cinque Passi parte 3° e 4°

In un precedente post ho segnalato le prime due parti di un articolo sul rapporto tra Cinque Movimenti e Cinque Passi; in questo invece segnalo la pubblicazione della terza e dell’ultima parte, la quarta sull’argomento.

Ecco i link e buona lettura!

https://taijixin.wordpress.com/2021/05/04/cinque-movimenti-e-cinque-passi-parte-terza/

https://taijixin.wordpress.com/2021/05/13/cinque-movimenti-e-cinque-passi-parte-quarta/

Continua a leggere ‘Cinque Movimenti e Cinque Passi parte 3° e 4°’
01
Mag
21

Cinque Movimenti e Cinque Passi

Suggerisco la lettura di due articoli su un argomento molto citato ma forse poco approfondito tra i praticanti di Taijiquan e delle arti marziali tradizionali cinesi in generale, il rapporto tra i Cinque Movimenti Wu Xing della Medicina Tradizionale Cinese e i cinque tipi di spostamento nel Tajiquan. I due articoli sono una parte di una serie di quattro parti. Intanto sono stati pubblicate le prime due parti agli indirizzi:

https://taijixin.wordpress.com/2021/04/22/cinque-movimenti-e-cinque-passi-parte-prima/

https://taijixin.wordpress.com/2021/04/29/cinque-movimenti-e-cinque-passi-parte-seconda/

Ecco l’incipit:

Yin Yang – spazio e tempo

Le teorie Yin Yang e Cinque movimenti sono strettamente connesse fra loro e con il Taijiquan.

Per comprendere tali connessioni dobbiamo iniziare facendo riferimento alla relazione di Yin Yang con lo spazio e col tempo.

Yin Yang e spazio

Per quanto riguarda lo spazio, ricordiamo che nelle mappe cinesi il sud si trova in alto.

Al sud corrisponde il punto più alto del sole, lo zenit, il punto più caldo. Al suo opposto localizzeremo il nord, il punto più freddo, a sinistra l’est, a destra l’ovest.

Pertanto al sud corrisponderà il grande Yang, a nord il grande Yin, a est la crescita dello Yang, a ovest la crescita dello Yin, seguendo l’orbita apparente descritta dal sole da est a ovest attraverso il sud.

Posto al centro come punto di riferimento spaziale l’osservatore, rivolgeremo a sud la sua parte anteriore Yin (poiché sulla parte anteriore del tronco scorrono i meridiani Yin), in quanto lo Yin si rivolge verso lo Yang per raggiungere l’equilibrio; stesso discorso per la parte posteriore Yang dell’osservatore che sarà rivolta verso lo Yin, cioè verso nord.

…”

Continua a leggere ‘Cinque Movimenti e Cinque Passi’
09
Apr
21

otto cancelli e taijiquan 2° parte

“Completiamo il precedente articolo relativo alle quattro forze morbide del Taijiquan parlando delle quattro forze dure.

Forze dure

In direzione trasversale, sud/ovest, nord/est, sud/est, nord/ovest, troviamo vento, tuono, lago, monte, corrispondenti alle quattro forze dure del Taijiquan utilizzate per lo più in attacco. Mentre le quattro forze morbide utilizzano una distanza relativamente lunga, le quattro forze dure sono a più corto raggio e più esplosive (fajin).

Cai

A sud/ovest troviamo il trigramma “Sun” (vento ), che rappresenta la figlia maggiore, una linea spezzata posta sotto 2 linee continue. L’energia Yang nasconde al suo interno la morbidezza Yin.

La forza corrispondente è Cai, leva verso il basso. Cambia la direzione della forza dell’avversario, applicando una leva, utilizzando la vita per generare la forza con un piccolo e veloce movimento circolare.

Il trigramma Sun, vento, ha una linea Yin sotto due linee Yang. La forza combina l’afferrare e il tirare in maniera morbida dando all’avversario la sensazione come se un forte vento lo trascinasse in basso.

…”

Leggi tutto l’articolo su https://taijixin.wordpress.com/2021/04/09/ba-gua-e-otto-cancelli-le-forze-dure/

Visita anche la pagina https://cinaedintorni.wordpress.com/siti-blog-gruppi-pagine-da-visitare/

02
Apr
21

Otto Cancelli e Taijiquan


Bagua del Cielo Anteriore

Ba Gua

Abbiamo già parlato degli Otto Trigrammi nella pagina intitolata Basi filosofiche in relazione alle Tre Potenze.

Nella cultura tradizionale cinese gli Otto Trigrammi, come vedremo, sono considerati i componenti di una sorta di famiglia. Nella disposizione all’interno della forma ottagonale la loro posizione si ispira alle carte geografiche orientali sulle quali il nord è disposto in basso e il sud in alto. Le coppie sono disposte ai lati opposti come ad esempio cielo, 3 linee Yang a sud, terra 3 linee Yin a nord.

Otto Cancelli

Nel Taijiquan gli Otto Trigrammi, Ba Gua, rappresentano gli otto tipi di forza, morbida e dura, della parte superiore del corpo, detti anche Otto Cancelli.

Forze morbide

Nel Bagua del Cielo Anteriore in direzione ortogonale sud, nord, est, ovest, troviamo cielo, terra, fuoco, acqua, corrispondenti alle quattro forze morbide del Taijiquan utilizzate per lo più nella difesa.

Nella tecnica “Jīn gāng dăo duì“, il Jingang che batte nel mortaio, presente all’inizio e alla fine di quasi tutte le forme, le quattro forze morbide, peng, lu, an, ji, si presentano in sequenza.

Peng

A sud, in alto, troviamo il trigramma “Qian” (cielo), il padre, rappresentato da 3 linee continue che simboleggiano la massima forza yang, una potente energia maschile.

La forza corrispondente è Peng che ha un carattere estremamente Yang pur essendo una forza finalizzata alla difesa. Potremmo quindi definire Peng un tipo di difesa attiva.

Il trigramma Qian, cielo, indica che la forza è diretta verso l’alto. Peng, infatti, è realizzata con un movimento circolare verticale diretto in avanti e in alto, andando incontro alla forza dell’avversario senza opporsi, aderendo ad essa.

La forza va dall’interno verso l’esterno fin oltre l’avversario. Intercetta verticalmente un colpo orizzontale e lo devia indietro con Lu.

Leggi tutto l’articolo su Bagua e Otto Cancelli – Le forze morbide nel Taijiquan.

08
Mar
21

Chiudi le aperture, sbarra le porte

“Chiudi le aperture, sbarra le porte: fino alla fine la tua persona non si esaurisce.”

Daodejing cap. 52

Questa affermazione insiste sulla importanza di introvertire, mantenere all’interno la coscienza per non disperdere il qi, mantenere la salute e promuovere la longevità. In questo contesto “aperture” si può riferire ai sette orifizi dei sensi: due occhi, due orecchie, due narici, una bocca e il termine “chiudi” è soprattutto metaforico.

Continua a leggere ‘Chiudi le aperture, sbarra le porte’
05
Feb
21

scienza ufficiale e taijiquan

Taijiquan ed artrosi

Risultato immagini per knee

I ricercatori hanno riassunto e valutato criticamente le prove di efficacia dei RCT che hanno indagato sull’efficacia del taijiquan nel trattamento di pazienti affetti da osteoartrosi. Sono stati presi in considerazione RCT che testassero il taijiquan in pazienti affetti da osteoartrosi di qualunque localizzazione.

La meta-analisi ha suggerito che il taijiquan ha effetti favorevoli sul dolore e sulla funzionalità e rigidità articolare.

I ricercatori concludono che i risultati della revisione sono incoraggianti e suggeriscono che il taijiquan sia efficace nel controllo del dolore e per migliorare le funzioni articolari in pazienti affetti soprattutto da gonartrosi. 

Continua a leggere ‘scienza ufficiale e taijiquan’
16
Gen
21

Il taijiquan patrimonio immaterale dell’umanità

Grande riconoscimento per il taijiquan. Ecco una traduzione quasi fedele del comunicato dell’UNESCO.

Taijiquan, Cina.

Iscritto nel 2020 (15.COM) nella Lista Rappresentativa dei Patrimoni Culturali Immateriali dell’Umanità,

Il taijiquan è una pratica fisica tradizionale caratterizzata da movimenti circolari rilassati che lavora in concerto con la regolazione del respiro e la coltivazione di una mente retta e neutra. Originato nella metà del XVII secolo nella Contea di Wenxian, provincia dello Henan, Cina centrale, è ora praticato in tutto il paese da persone di tutte le età e da diversi gruppi etnici. I movimenti di base del taijiquan si concentrano sui wubu (cinque passi) e le bafa (otto tecniche) con una serie di routine, esercizi e tuishou (esercizio di spinta con le mani eseguite con un partner). Influenzato dal pensiero taoista e confuciano e dalle teorie della medicina tradizionale cinese, il tajiquan si è sviluppato in diverse scuole (o stili) che prendono il nome da un clan o dal nome personale di un Maestro. Il taijiquan viene trasmesso tramite la trasmissione basata sul clan o il modello maestro-discepolo. Quest’ultima relazione viene stabilita attraverso la tradizionale cerimonia del baishi. Il taijiquan è stato incorporato anche nel sistema educativo formale. Si basa sul concetto di yin e yang e sulla comprensione dell’unità del cielo e dell’essere umano. È stato diffuso anche attraverso leggende, proverbi e rituali, tra gli altri veicoli di espressione. Salvaguardare il taijiquan aumenterebbe la sua visibilità e il dialogo tra le diverse comunità.

Fonte:

https://ich.unesco.org/en/RL/taijiquan-00424

21
Dic
20

ALLENARSI DI PIU’

Spesso gli studenti di taijiquan “non hanno tempo per allenarsi”, intendendo con “allenamento” la pratica delle forme. Ma la pratica del taijiquan non è solo la pratica delle forme, bensì anche quella del rilassamento fisico e mentale, del mantenimento della corretta postura e del modo corretto di respirare.

Da questo punto di vista ci si può “allenare” molto di più. Come dicono i Maestri, “ci si può allenare 24 ore al giorno”. Continua a leggere ‘ALLENARSI DI PIU’’

09
Dic
20

Corpo dritto e centrato

Pubblico un post su uno dei principi più importanti nella pratica e nella teoria del taijiquan tratto dalla pagina Facebook https://www.facebook.com/antonellacoglitore.taijiquanpalermo

“Mantenere il corpo centrato e dritto 立身中正 lìshēn zhōngzhèng.

Nella pratica delle forme del taijiquan riguarda la postura ma anche un atteggiamento mentale ed etico.

CORPO DRITTO: distendere i tratti cervicali e lombari, la colonna vertebrale leggermente curva in avanti, petto rilassato e contenuto in dentro, non inclinarsi in avanti o lateralmente, anche e ginocchia rilassate, peso sul punto centrale del piede (yong quan), mantenere il baricentro su un unico livello, non fare su e giù, non ondeggiare.

CORPO CENTRATO: il movimento si svolge intorno ad un asse verticale posto davanti a noi, la mente è presente, guida il movimento, abbandona i pensieri.

Continua a leggere ‘Corpo dritto e centrato’



Archivi